DSC_0239p2

DSC_0333p2

DSC_03632p
DSC_0456p

DSC_0478p DSC_0480p

Ci sarebbero tanti modi per chiamare queste due acconciature con nomi elaborati e anglicizzanti (roba da blogger fighe, in poche parole), ma la terminologia che ho deciso di utilizzare in questo post è quella che uso quotidianamente e che credo renda maggiormente l’idea: ladies and gentleman, vi presento la tecnica Butta tutto dentro. Andando avanti con il tutorial, capirete che questo nome non ha bisogno di molte spiegazioni (e soprattutto che non ho molta fantasia nel trovare nomi accattivanti).

Non fatevi spaventare dall’apparenza, in realtà la pettinatura è facilissima e richiede davvero 3 minuti contati.

1 1234

  1. Raccogliete i capelli in una coda (alta o bassa, dipende dal risultato finale che vogliamo ottenere).
  2. Posizionate le dita appena sopra l’elastico e dividete i capelli andando a creare un buco.
    NOTA: Fate attenzione che non vi siano rimaste nel mezzo nessuna ciocca ribelle, altrimenti non riuscirete a fare il passaggio successivo.
  3. Utilizzando entrambe le mani, rigirate la vostra coda e fatela passare dentro il buco.
  4. Stringete la coda per far salire l’elastico e nasconderlo bene sotto i due twist che avete appena creato. Se non siete soddisfatte, potete allargarli tirandoli (con mooolta attenzione) dalle estremità con due dita.

Questa è diciamo la versione standard. Quello che io invece faccio spesso è aggiungere un passaggio prima del punto 1, un trucchetto che mi aiuta a rendere il twist ancora più evidente. Detta così sembro un genio del male, in realtà è una cosa molto semplice e intuitiva (insomma, non è che abbia scoperto l’acqua calda).

5 6 7

Ebbene sì, non faccio altro che arrotolare due ciocche frontali a mo’ di torcion, per far partire il twist dalle tempie invece che limitarlo alla parte finale della coda.

Una volta imparata questa semplicissima tecnica, il numero di varianti che possono essere messe in pratica sono tantissime: coda di cavallo alta o bassa, mezza coda, trecciacoda di lato, codini, ecc. La cosa bella è che, a prescindere dalla versione che avete scelto, l’acconciatura richiede pochissimi minuti e il risultato sembra elaborato e chic. Din, din, din, jackpot!

La mia variante preferita, che compete per la medaglia d’oro con la classica ponytail, è senz’altro quella più elegante che può essere portata la sera insieme ad un abbigliamento più sofisticato o, perché no, anche di giorno, se abbinata ad una maglietta sbarazzina e ad un trucco giovanile che vanno a spezzare un po’ quel tocco “severo” che conferisce.

8 9 10

Continuate semplicemente a far entrare il resto dei capelli nel buco che avete creato fino a che tutta      la lunghezza non sarà attorcigliata su se stessa. Assicurate bene l’acconciatura con le forcine, facendo ben attenzione a non renderle visibili. Se ne avete bisogno, fissate il tutto con una spruzzata di lacca… et voilà!


Photo Credits: Noemi Vitali
Revisore: Giorgia Giometti

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone