La Costa Azzurra è sempre una buona idea, ma se non siete ancora convinti e avete bisogno di una ragione per andarci, questa ragione si chiama Marsiglia. La seconda città più grande della Francia è infatti una meta fantastica per una fuga giornaliera o per un weekend in compagnia, una destinazione perfetta per chi, come me, ama lasciarsi stupire dall’intensità dei colori.

Marsiglia è una città non troppo distante dalle nostre città marittime italiane (grazie anche alle famose ragioni storiche), e forse è per questo che colpisce il nostro cuore in maniera quasi impercettibile: una bellezza familiare, non sopra l’ordinario, ma che comunque mira dritto al cuore. Come mi sono trovata a pensare più volte, oserei dire che è un bell’incontro tra la vivacità italiana e l’eleganza francese. Insomma, una vera perla del nostro bel Mar Mediterraneo.

L’odore della salsedine che si respira al Vieux-Port, il blu del mare in contrasto con i colori dorati delle pietre provenzali e la bellezza degli yacht ormeggiati vi darà il benvenuto non appena sarete entrati in città dall’autostrada, catapultandovi da subito nella calda atmosfera marsigliese.
Una passeggiata al Porto tra bancarelle, bandiere francesi e  barche lussuose è d’obbligo.

IMG_5414 IMG_5416 IMG_5417

Da qui, ci si sposta poi sulla Rue de la République, un viale di palazzi eleganti e negozi per lo shopping, per raggiungere uno dei quartieri più belli e pittoreschi della città: Le Panier. Si tratta del quartiere storico di Marsiglia, con vicoletti che profumano di croissant appena sfornati e di bucato fresco. Con le facciate ocra dei palazzi che fanno da sfondo ai murales creativi degli artisti di strada. Tutto quel che bisogna fare è perdersi tra i colori vivaci delle stradine e delle boutique provenzali.

IMG_5420 IMG_5427

Nel cuore de Le Panier ci si imbatte nella Vieille Charité, monumento storico del XVI secolo e uno dei centri culturali della città. L’accesso è gratuito per visitare la parte esteriore, ma a pagamento se si vuole entrare nel museo (5€, 3€ il ridotto).

IMG_5422 IMG_5424

Un’altra tappa da non perdersi è la Cathédrale de la Major, una meravigliosa cattedrale in stile neobizantino che si affaccia su una terrazza con vista sul Vieux-Port. Semplicemente mozzafiato. Soprattutto, a mio parere, la parte della cattedrale che più sorprende è quella posteriore, dove una scalinata collega il piazzale ad una via sottostante. Il risultato? Un atmosfera orientaleggiante che per un attimo ci fa dimenticare di essere in Europa.IMG_5452 IMG_5457

La destinazione finale della mia toccata e fuga a Marsiglia è un po’ più ostica da raggiungere per chi non è automunito, ma comunque possibile grazie all’autobus n. 60 dal Porto. Sto parlando della meravigliosa Basilique Notre Dame de la Garde, la basilica della città che veglia sui marinai e su tutti i marsigliesi dall’alto di una collina, a 162 metri sul livello del mare.

Lasciare Marsiglia senza prima aver visitato questo luogo di culto sarebbe un peccato capitale, non solo per la sacra bellezza della basilica in sé, ma anche per la vista che si ha da lassù su tutta la città. La vastità delle case dorate che va dalle montagne fino al blu profondo del Mediterraneo è uno spettacolo per gli occhi.

IMG_5523 IMG_5524 IMG_5528 IMG_5538 IMG_5543 IMG_5529

Ovviamente, quel che Marsiglia ha da offrire non si ferma qui: le Châteaux d’If, le Calanques, les Docks e molto altro ancora merita senz’altro di essere visto. Tuttavia, questa città è così affascinante che mi sono preservata il diritto di tornare a fare quel che ho lasciato incompiuto.

Quindi, chissà, al prossimo aggiornamento!

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone