Vivere a Helsinki significa, tra le altre cose, lottare ogni giorno contro i prezzi stratosferici della capitale Finlandese. Si sa: la Scandinavia è cara e un simile tenore di vita è quasi impossibile per noi poveri europei del sud.

Come si fa, quindi, ad arrivare a fine mese senza l’acqua alla gola? Facile, si attraversa il Mar Baltico salpando verso Tallinn. Ci si dovrà pure svegliare all’alba, ma vedere il sole sorgere sul porto è uno spettacolo mozzafiato.

14242475_10210712604235524_3190291655748726115_o

La capitale estone è la meta preferita degli abitanti della Finlandia, in quanto dista solo 1.5/2 ore di battello da Helsinki ed è un vero e proprio gioiello di città. Ma quello che attira ancora di più i finlandesi è la sua economicità. In precisi (e fortunati) periodi dell’anno, si può infatti acquistare un biglietto andata e ritorno a soli 12€, meno di una pasto in un qualsiasi ristorante.

Per questo, non è affatto insolito vedere code di finlandesi imbarcarsi per Tallinn con valigie palesemente vuote, alcuni con tanto di carrello per la spesa e borse frigo. È sopratutto incredibile vedere quante persone over 60 lo facciano, mettendosi per prime in fila davanti al porto.

Parlando con un ragazzo sul traghetto, mi ha detto che quella è proprio l’immagine che hanno gli estoni dei finlandesi: biondi, alti e “approfittatori” del basso costo della loro vita.

am8qbpj_700b

Proprio così: la ragione principale per cui i finlandesi si recano a Tallinn è per comprare alcool a basso prezzo. Parliamoci chiaro, in un paese come la Finlandia, dove la vendita di bevande con gradazione alcolica al di sopra del 4,7%  è consentita solo all’interno delle rivendite del monopolio statale Alko, il concetto di economicità è molto paradossale. Ma i finlandesi non ce la fanno a dire di no all’alcool e, per loro, poter risparmiare su birra e vodka è già una ragione valida per partire.

Ma dire che lo shopping è l’unico motivo per cui i finlandesi vanno a Tallinn è un’ingiustizia. Si può andare a far spesa riempiendo le valigie di ogni genere alimentare (e non), ma allo stesso tempo si possono anche dedicare un paio d’ore all’inebriante atmosfera medievale che la città trasuda da ogni angolo. Eccovi qui un piccolo assaggio.

14324364_10210712691557707_2421241687560018393_o

14310464_10210712662436979_5238915067780816894_o

14305275_10210712641676460_8639127876045997806_o

14231367_10210712667477105_5891309645419864994_o14311479_10210712640036419_7791210744928552041_o

14324436_10210712638996393_4569137594702065647_o

14258081_10210712681117446_408701623614624414_o14310491_10210712611475705_8931634309974952675_o

14311358_10210712663397003_7901612249998213760_o

14258281_10210712690317676_3297994776566529028_o 14257450_10210712658676885_5680696812090658268_o

14241523_10210712688037619_5986625132363386394_o

14241638_10210712663597008_8911987958775488313_o

Vi ho convinti a prenotare un weekend a Tallinn? Se non vi è bastato e siete ancora incerti, restate sintonizzati per un nuovo articolo su cosa fare e vedere a Tallinn. Dopo già due viaggi, ho senz’altro tanto da raccontarvi!

14311267_10205421800863604_8118131611142665100_o


Photo credit: Raphaëlle Sauer & Justine Pierre

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone